SOLITUDE STANDING, di Suzanne Vega
Scritto da Lucio Vallisneri   
venerdì 20 febbraio 2009

Solitude standing, di Suzanne Vega

 (A&M, 1987)

Quest’estate mi è capitato di assistere ad un reading musicale dalle nostre parti (ma come mai nulla del genere a Sassuolo??? Mah...), e così mi è tornato alla memoria questa bella produzione della californiana trasferita a New York e cresciuta ad Harlem.
L’album contiene Luka, la conosciutissima song che parla di un ragazzino maltrattato e forse Harlem non è solamente un riferimento geografico, di sicuro tra i suoi brani più famosi. Poi, c’è Tom’s diner, la canzone ritenuta un sacrilegio da molti critici… Sapete cosa vi dico, a me non dispiaceva, proprio cantata così come viene, come uno scioglilingua, insomma ho sentito di molto peggio, se avete voglia provate a cercare la versione rarissima eseguita dai REM, vi divertirete tantissimo nell'ascoltarla. Il resto sono canzoni scritte e cantate di cuore, Night vision, la stessa Solitude standing...

Di certo, mi direte, non un lavoro di irripetibile qualità, sono d’accordo… Ma sincero e fatto con gusto.



Commenti
Nuovo Cerca
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.22 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."