Question Time, si vola!!
Scritto da Stefano Panini   
martedì 01 dicembre 2015

Logo QT

 

Occhio non vede…?

 

Cuore non duole. Andiamo con ordine. Prima di lodare il Sassuolo che è stato al Ferraris c’è da sculacciare quello visto contro il Cagliari. Che poi, “visto” è un parolone data la nebbia del Mapei Stadium di giovedì che, a dire il vero, ha fatto un favore ai neroverdi celandone una delle peggiori partite della gestione Di Francesco. Sassuolo opaco con idee ancor meno chiare, quello in Coppa Italia, accompagnato dalle parole del mister nel post partita: “non accetto partite del genere dai miei giocatori, spero che questa sconfitta ci serva da lezione”. Lezione servita e ben compresa dai neroverdi che con la vittoria stronca-Doria hanno spazzato via la nebbia degli irti colli reggiani. C’è luce oltre il nebbione.

 

Vedi Marassi e poi…?

 

E poi inizi a tremare perché in quello stadio, al Sassuolo, può succedere di tutto. Soprattutto possono piovere gol a raffica e anche ieri i numeri hanno dimostrato questo. Ad esempio, bisogna tornare indietro fino al 10 maggio per vedere i neroverdi segnare tre gol in trasferta. Ancora, fu a Marassi che il Sassuolo trovò la sua prima vittoria in trasferta in serie A, era un Samp-Sassuolo 3 a 4 (tripletta del Berra), e fu a Marassi che Acerbi si inventò bomber d’area – così come contro Montella – l’ultima trasferta contro il Genoa un paio di settimane fa. Oggi, sempre grazie al Ferraris, i neroverdi pareggiano il bilancio in trasferta con 3 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte e allontanano l’influenza lontana dal Mapei Stadium che aveva colpito i neroverdi. Nelle ultime quattro trasferte il Sassuolo avevano raccolto un solo punto. Invertiamo la tendenza?

 

“Panchinari” a chi?

 

Il più bel primo tempo della stagione (record della serie A per tiri nello specchio della porta). Per di più in trasferta. Per di più senza il cuore del centrocampo, il Puma, e il cervello dell’attacco, Berardi. Tutto vero, e a confermarlo sono – tra gli altri – Floccari, Pellegrini, Politano e Laribi. È chiaro che a Sassuolo il concetto di “panchinaro” vada messo in discussione. Tutti sono utili e nessuno è indispensabile pare essere il motto neroverde suggerito già dal Difra post Genoa: “nessuno ha il posto assicurato”. Floccari è il centravanti che mancava? Pellegrini può diventare il terzo valore aggiunto del centrocampo al fianco di Missiroli e Magnanelli? Politano è il vice-Berardi che tanto si invocava? Nel rispondere a queste domande dopo la vittoria doriana il tifo neroverde non può che sorridere. Se il Sassuolo vola è anche grazie alla panchina, che non è solo Di Francesco. 

 


Si vola!!



Question Time” è una rubrica settimanale de “il Sassolino” tenuta da Stefano Panini. Che si vinca o che si perda. Un ringraziamento particolare a Francesca Morini per  la realizzazione de “la vignetta della settimana”.



Commenti
Nuovo Cerca
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.22 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."